Simona Garufi, italiana e figlia di arte

 
Simona Garufi Studio
Simona Garufi
Italiana e figlia d’arte (proviene da una famiglia di scultori siciliani) Simona si avvicina al mondo artistico frequentando il liceo artistico prima, e poi la Facoltà di Architettura di Napoli, dove si laurea con lode all’età di 25 anni.
Dopo saltuarie collaborazioni in diversi studi di architettura e una formazione nel settore delle costruzioni, nel 2002 decide di intraprendere un nuovo viaggio professionale nel nord Italia, lavorando prima a Milano nello studio di architettura Design & Project e poi a Torino dal 2005, dove grazie alla collaborazione con lo studio di architettura BSA si specializza in interior design. In questi anni torinesi si forma la sua linea concettuale che la caratterizzerà nel corso della sua carriera professionale indipendente.
Instalación para Hyundai
Nel 2008 si trasferisce a Madrid per aprire il suo proprio studio di architettura d’interni. Due anni dopo partecipa a quella che sarà la prima delle sue 4 edizioni in Casa Decor Madrid che le da la possibilità di farsi conoscere a un pubblico più vasto.
L’integrazione col mondo spagnolo le ha dato la possibilità di fondere egregiamente il suo personalissimo stile con l’allegria e il calore della penisola Iberica, quasi come fosse “un ritorno al Sud” e nel 2010 a Madrid decide di aprire il suo primo studio di architettura SGArqdesign, dedicato principalmente a ristrutturazioni totali sia residenziali che commerciali, stand fieristici, installazioni e design. Si avvale di collaborazioni esclusive per la realizzazione dei progetti, tra queste il gruppo Espacio Inedito e Clorofila Digital.
 
1Restaurante Nyumba Ya Sanaa - Millesime Madrid 2014 01
Restaurante Nyumba Ya Sanaa
 
Restaurante Nyumba Ya Sanaa - Millesime Madrid
Restaurante Nyumba Ya Sanaa – Millesime Madrid
 
 
La linea progettuale è solida e ben marcata: ogni elemento disegnato e prodotto mantiene una relazione indispensabile con il pensiero: nascono in questo modo spazi ricchi di elementi concettuali, che vivono con l’uomo, che rispondono inequivocabilmente alle sue abitudini e alla sua logica.
Simona si trova anche tra i 10 vincitori del progetto VIVACE, una iniziativa di sostegno ai giovani creativi italiani attivi a Madrid e Barcellona, ideato dall’Ambasciata Italiana in Spagna e diretto alla valorizzazione delle nuove forme di ibridazione, “meticciato” e collaborazione che stanno sorgendo grazie all’ormai consolidata presenza italiana in questo Paese. È una piattaforma che sostiene le espressioni emergenti della creatività e il saper fare che si inseriscono nel concetto del nuovo made in Italy, concepito come superamento dell’idea di un insieme di prodotti e dei limiti di un territorio nazionale, e contestualizzato nel rapporto tra l’Italia e la Spagna.
,
Instalación Broken Open studio Vivace in showroom Clorofila Digital 2017
Instalación Broken Open. Madrid
 .
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *